Giovedì, 25 Maggio 2017 06:21

Equitalia ricorda le rate in scadenza con un sms

Il progetto di alert, dedicato a chi ha un piano di rate o a quei contribuenti che vogliono essere avvisati se Equitalia viene incaricata di riscuotere un debito, viene esteso alle centinaia di migliaia di contribuenti che hanno aderito alla definizione agevolata che si è chiusa il 21 aprile scorso.

Anche chi ha aderito alla definizione agevolata, la cosiddetta rottamazione delle cartelle, potrà attivare il servizio Sms Se Mi Scordo. Il progetto di alert, voluto dall’amministratore delegato della società di riscossione Ernesto Maria Ruffini, dedicato a chi ha un piano di rate o a quei contribuenti che vogliono essere avvisati se Equitalia viene incaricata di riscuotere un debito, viene esteso alle centinaia di migliaia di contribuenti che hanno aderito alla definizione agevolata che si è chiusa il 21 aprile scorso.

In sostanza, chi decide di essere avvisato con un sms o una mail deve accedere all’area riservata del portale www.gruppoequitalia.it - con le credenziali Spid, il Sistema pubblico di identità digitale, oppure attraverso pin e password rilasciate dall’Agenzia delle entrate o con il pin dell’Inps e anche tramite la Carta nazionale dei servizi - e quindi scegliere l’opzione di adesione al Se Mi Scordo dedicata alla rottamazione.

Pochi click per non dimenticare di pagare una rata, o per evitare di pagarla in ritardo, pena la revoca dei benefici della definizione agevolata. Il dl 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016, prevede infatti che chi non paga anche solo una rata, oppure lo fa in misura ridotta o in ritardo, perde i benefici della definizione agevolata previsti dalla legge ed Equitalia dovrà riprendere le attività di riscossione.

Il servizio Sms Se Mi Scordo attivato a novembre prevedeva due opzioni: una relativa ad eventuali nuove cartelle o meglio nuovi ruoli affidati da un ente creditore ad Equitalia da riscuotere a carico di un contribuente; quindi una relativa alla regolarità del pagamento delle rate di un piano di dilazione ma anche se si è prossimi (manca una rata) ad essere revocati dal piano prescelto.

In questi primi 6 mesi il servizio di alert è stato attivato da poco meno di 100 mila utenti (98.682) con una media di circa 500 al giorno. Il 60% (59.209) ha chiesto di essere avvisato attraverso una semplice mail, mentre il 40% (39.473) con un sms.

Il 50,48% (29.888) di chi ha scelto di essere avvisato per mail ha preferito la funzione ‘scadenza rata’ mentre il restante 49,52% (29.321) ha optato per l’alert ‘nuova cartella’.

Dei circa 40mila utenti che hanno registrato il proprio numero di cellulare nell’area riservata del portale di Equitalia, 20.521 (51,99%) ha optato per la funzione ‘scadenza rata’, mentre 18.952 (48,01%) ha scelto l’avviso ‘nuova cartella’.

Sul totale delle attivazioni, 46.020 contribuenti (47%) hanno scelto entrambe le funzioni di alert (scadenza rate e nuova cartella) mentre 52.662 contribuenti (53%) hanno optato per una soltanto.

Veniamo agli alert inviati da Se Mi Scordo di Equitalia. In poco meno di 6 mesi, sono stati inviati circa 30mila messaggi, di cui 19.762 per ‘nuovi debiti’ che hanno anticipato la notifica di una cartella o di un avviso e 9.538 relativi alle scadenze delle rate di pagamento.

 

da Redazione Fiscale