Giovedì, 23 Febbraio 2017 09:44

Nuovi chiarimenti per l'utilizzo delle lettere d'intento

Come noto, a decorrere dagli acquisti effettuati dall’1.3.2017 gli esportatori abituali dovranno utilizzare il nuovo mod. DI, nel quale non è più possibile indicare il periodo di validità dello stesso. Facendo seguito ai chiarimenti forniti a fine 2016, l’Agenzia delle Entrate, è ritornata sull’argomento fornendo ulteriori chiarimenti nell’ambito di uno specifico interpello.

L’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione 22.12.2016, n. 120/E è intervenuta al fine di fornire i seguenti chiarimenti riguardanti la transizione dal vecchio al nuovo modello ovvero:

 

1 - Utilizzo del nuovo mod. DI

Il nuovo mod. DI può essere utilizzato solo per gli acquisti da effettuare a partire dall’1.3.2017. Di conseguenza per le operazioni da effettuare fino al 28.2.2017 deve essere utilizzato il vecchio modello (nel quale è possibile indicare il periodo di “validità” della dichiarazione d’intento).

 

2 - Dichiarazione d’intento con periodo di validità successivo al 28.2.2017

Nel caso in cui sia stata rilasciata una dichiarazione d’intento utilizzando il vecchio modello, indicando il periodo di validità (ad esempio, 1.1.2017 - 31.12.2017), la stessa perderà l’efficacia per le operazioni di acquisto da effettuare dall’1.3.2017.

Per tali operazioni va presentata una nuova dichiarazione d’intento utilizzando il nuovo modello, nel quale compilare il campo 1 o il campo 2. Queste ultime saranno valide solo a decorrere dal 01.03.2017.

Per chi deve emettere fatture senza l'applicazione dell'IVA a seguito di lettera d'intento, dal 01.03.2017 deve verificare di essere in possesso del nuovo modello DI. Se non si è in possesso di tale nuovo modello DI, la fattura va assoggettata regolarmente ad IVA.

 

3 - Dichiarazione d’intento per una o più operazioni nel limite indicato

Qualora nella dichiarazione d’intento inviata ai fornitori a fine 2016/primi mesi del 2017 sia stato compilato il campo 2, non deve essere rilasciata una nuova dichiarazione d’intento utilizzando il nuovo modello.

In tal caso la dichiarazione ha validità anche successivamente all’1.3.2017 fino a concorrenza dell’importo riportato in tale campo.

 

4 - Superamento dell’ammontare degli acquisti senza IVA

Nel caso in cui, nel corso dell’anno, l’esportatore abituale intenda acquistare senza IVA per un importo superiore all’ammontare indicato nella dichiarazione d’intento dovrà presentare un nuovo modello “ad integrazione” di quello precedente, indicando l’ulteriore ammontare fino a concorrenza del quale intende continuare ad effettuare acquisti senza IVA.

Con riferimento ad un esportatore abituale, che a fine dicembre 2016/inizio gennaio ha inviato una serie di dichiarazioni d’intento ai propri fornitori con l’indicazione del periodo di validità (ad esempio, 1.1.2017 – 31.12.2017), si ritiene possibile:

  • senza attendere l’1.3.2017 e provvedere all’invio del “nuovo” mod. DI;
  • inviare entro il 28.2.2017 una “nuova” dichiarazione d’intento utilizzando il “vecchio” mod. DI nella quale indicare (a campo 2) l’ammontare del plafond riferibile al singolo fornitore.

Chiaramente gli eventuali acquisti effettuati entro il 28.2.2017 (oltre a quelli dall’1.3.2017) saranno “imputati” e quindi riferiti al “nuovo” mod. DI.

 

 

 

queste ultime saranno valide solo a decorrere dal 01.03.2017.