Cerca tra le notizie

Con questo articolo vengono illustrate le novità in materia di acquisti intracomunitari di beni con riferimento alle operazioni effettuate dal 1° luglio 2022.

L’Agenzia delle Entrate chiarisce molti aspetti sulla gestione dei bonus edilizi.
Tra tali aspetti è importante rilevarne uno che riguarda la gestione dei lavori, e cioè l’obbligo di inserimento, al fine di poter ottenere le agevolazioni fiscali, di una dicitura che attesta l’applicazione dei CCNL edilizi: alcuni chiarimenti in ordine all’applicazione della norma.

Per il recupero pieno dell’imposta è necessario che il lavoratore con vettura in uso promiscuo partecipi alla spesa versando un corrispettivo. L’ordinamento italiano resta penalizzate sotto il profilo degli utilizzatori privati.

Salvo proroghe dell’ultimo minuto, scade il prossimo 30 giugno il termine per indicare le agevolazioni del 2021 sul sito internet da parte delle imprese che non sono obbligate alla redazione della nota integrativa.
In mancanza di un proprio sito internet, è possibile adempiere mediante pubblicazione sul portale dell’associazione di categoria di appartenenza del beneficiario.

I soggetti che effettuano attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare pagamenti effettuati attraverso carte di credito o di debito (da effettuare tramite POS, “point of sales”) indipendentemente dall’entità del corrispettivo (dunque, anche per importi estremamente esigui) salvi i casi di “oggettiva impossibilità tecnica”. Esaminiamo come tale obbligo si è evoluto, alla luce dei recenti meccanismi sanzionatori.

L’entrata in vigore del nuovo obbligo previsto ai fini dell’accesso alla detrazione fiscale del 110 per cento, così come ai bonus casa ordinari, riguarderà le opere di importo complessivo superiore a 70.000 euro, e per individuare l’ambito applicativo della norma bisognerà guardare ai lavori individuati dall’allegato X al decreto legislativo n. 81/2008.

Si riepilogano di seguito i principali bandi e contributi in essere e di prossima pubblicazione.

Si applicheranno dal 30 giugno 2022 – anziché dal 1° gennaio 2023 – le sanzioni nei confronti dei soggetti che effettuano attività di vendita di prodotti o prestazioni di servizi, anche professionali, che rifiutino di accettare un pagamento effettuato con carte di debito/credito tramite POS (sanzione fissa pari a 30 euro, cui si aggiunge il 4% del valore della transazione per la quale è stato rifiutato il pagamento elettronico).

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D.L. 30 aprile 2022, n. 36 (cd. decreto PNRR-2) sono entrati in vigore nuovi obblighi in materia di fatturazione elettronica a carico dei forfetari e dei cd. “soggetti minori”

Dal 1° luglio 2018 per poter detrarre l’IVA e dedurre il costo per l’acquisto di carburanti, nei limiti previsti dalla normativa, è indispensabile pagare con modalità tracciata (carta di credito/debito/bonifico). Tale regola vale anche per poter dedurre le spese di manutenzione, riparazione e tutte le altre spese d’esercizio dell’autovettura, compresi i pedaggi autostradali e il costo dei parcheggi

Dal 1° aprile 2022 non è più possibile provare l’origine preferenziale dei prodotti tramite i certificati previdimati. A stabilirlo è l’Agenzia delle dogane che introduce tre diverse procedure digitali per il rilascio dei certificati di circolazione EUR1, EUR.MED e A.TR.

Il sistema camerale intende rafforzare la capacità delle imprese di operare sui mercati internazionali, assistendole nell’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati già serviti e nello scouting di nuovi o primi mercati di sbocco..

Concorre alla formazione del reddito d’impresa il reddito catastale, con conseguente indeducibilità dei costi. Tra questi, alcune particolarità riguardano gli interessi passivi.

In tema di prova di consegna nelle cessioni UE, il contribuente conserva la possibilità di dimostrare con elementi oggettivi di prova diversi da quelli esplicitati dalla normativa che l’operazione sia realmente avvenuta, qualora non sia in possesso della documentazione richiesta dalla richiamata disposizione unionale.

In considerazione del repentino incremento dei prezzi dei carburanti, il legislatore ha previsto una misura di favore per i lavoratori dipendenti in base alla quale i buoni carburante concessi dal datore di lavoro non concorrono alla formazione del reddito di lavoro dipendente ai sensi dell’articolo 51 Tuir.

Entro tale data l’invio della comunicazione di “prenotazione”, poi a consuntivo, a gennaio 2023, la conferma dell’investimento, massimo entro l’importo prenotato.

Dare soldi a chiunque, anche ad un figlio, a titolo di donazione, non richiede alcuna forma soltanto se la somma è di modico valore. In caso contrario, bisogna recarsi da un notaio, anche semplicemente per la procura a donare.

Alla luce del rischio sanzionatorio, si riporta di seguito un quesito e la relativa risposta tratti da Il Sole 24 Ore

Martedì, 15 Marzo 2022 08:09

Gli sconti merce tra fatture e scontrini

Si riepiloga brevemente di seguito il corretto trattamento degli sconti merce.

Attenzione al rispetto delle regole sul lavoro: questo è l’avviso alle aziende edili che svolgono la propria attività durante l’intenso periodo di lavoro scaturito a seguito dei vari bonus edilizi. L'Ispettorato Nazionale del Lavoro segnala infatti quali saranno le aziende “attenzionate” nello svolgimento delle ispezioni sul lavoro nel prossimo periodo.

Gli effetti dell’interconnessione “tardiva” sono stati oggetto di chiarimenti dell’Agenzia delle entrate in una molteplicità di documenti di prassi, dalla circolare AdE 4/E/2017 alla circolare AdE 9/E/2021, dalla risposta all’interpello 394/2021 alla più recente risposta 71/2022.

Il Fisco individua i criteri e le modalità di attuazione delle analisi di rischio e controllo per i soggetti che effettuano acquisti non imponibili e trasmettono le relative dichiarazioni di intento.
Quali le specifiche da indicare in fattura elettronica?

I termini di emissione della nota di credito sono variati a seguito delle modifiche apportate dal Decreto sostegni-bis (articolo 18 D.L. 73/2021 convertito con modifiche dalla L. 106/2021) con riferimento alle procedure concorsuali avviate dal 26 maggio 2021.

L’integrazione in formato elettronico delle fatture ricevute rimane facoltativa

Dallo scorso 21 dicembre 2021 è obbligatoria la nuova comunicazione preventiva di lavoro occasionale all'ispettorato del lavoro: ecco le regole per adempiere al nuovo obbligo in questa prima fase per cui manca ancora la specifica modulistica

Via libera al decreto legislativo che da marzo farà scattare l’assegno unico e universale per i figli a carico. Il Consiglio dei ministri del 23 dicembre ha approvato la versione definitiva del provvedimento dopo aver ricevuto il parere positivo dal Parlamento. «È un giorno importante che segna la scelta di concretezza del nostro Paese: rimettiamo al centro le bambine e i bambini, investiamo nelle famiglie, attiviamo il futuro delle nostre comunità» ha scritto su Twitter Elena Bonetti, ministra alle Pari opportunità e alla famiglia.

Mercoledì, 22 Dicembre 2021 18:25

Comunicazione dei contributi pubblici

Le informazioni relative agli aiuti, in denaro o in natura, erogati da Pubbliche Amministrazioni nell’esercizio precedente di importo superiore a € 10.000,00 devono essere indicate nella nota integrativa, ovvero pubblicate sul proprio sito Internet per le imprese individuali e società di persone, nonché associazioni/fondazioni e Onlus.
La scadenza è, in genere, prevista per il 30.06 di ogni anno; per il 2021 il termine è stato prorogato al 31.12.2021 (salvo ulteriori proroghe).

Importanti novità sono previste per il 2022 in tema di fatturazione elettronica: la Legge di Bilancio 2021 ha fissato la data del 1 gennaio 2022 per l’obbligatorietà della trasmissione al Sistema di Interscambio per la predisposizione delle Dichairazioni IVA precompilate dell’autofattura relativa al reverse charge interno (contratti di sub-appalto, servizi di pulizia, ecc…), mentre il Decreto Fiscale legato alla Legge di Bilancio 2022 ha differito al 1 luglio 2022 l’obbligo di autofattura o integrazione delle fatture da e verso l’estero. Per questi documenti fino alla rispettiva data di partenza (31 dicembre per l’autofattura reverse charge interno e 30 giugno per quello esterno) resterà valida l’opzione di emetterli in forma cartacea o elettronica.

Il contratto d’appalto era carente in ordine a corrispettivo, modalità e quantità delle prestazioni.

Estensione della platea da recepire con l’attuazione della delega fiscale. Stretta sull’evasione Iva: si lavora a nuove misure sull’omessa fatturazione

La soglia si abbassa dagli attuali € 2.000 a € 1.000: indicazioni per i pagamenti frazionati.

Anche le imprese minori, in contabilità semplificata, devono provvedere a una annotazione analitica delle rimanenze: non ci si può limitare ad annotazioni di valore globale.

Mercoledì, 24 Novembre 2021 08:40

Decreto anti-frodi solo per il futuro

I nuovi obblighi imposti dal decreto anti-frodi, ovvero l’apposizione del visto di conformità e l’asseverazione sulla congruità dei prezzi, non si applicano ai contribuenti che hanno optato prima del 12 novembre per la cessione del credito o per lo sconto in fattura.

Domenica, 21 Novembre 2021 08:22

Assegno Unico familiare, c’è il decreto

Ok al bonus per figli fino a 21 anni da 50 a 175 euro al mese, ma per la domanda bisogna aspettare. Intanto però vi diciamo come arrivare preparati.

Accanto agli aspetti operativi per fruire del bonus, gli operatori devono dare il giusto risalto anche agli aspetti Iva che sono i primi elementi sui quali porre attenzione: se infatti molti adempimenti del superbonus possono anche essere gestiti successivamente, il tema dell’aliquota deve, per evidenti motivi, essere affrontato già in sede di emissione del documento.

Sabato, 13 Novembre 2021 15:14

Bonus edilizi bloccati sul visto

Il decreto antifrodi è in vigore. Rischio richiamo bonifici già trasmessi anche per la caldaia. L’effetto retroattivo travolge tutte le pratiche in essere.

La presenza di un “contraente generale” crea delle difficoltà nella fatturazione verso tale soggetto da parte dei suoi fornitori, per via di una norma di dubbia applicazione con riguardo al tema del reverse charge di cui all’articolo 17, comma 6, lettera a) del Decreto Iva.

Mercoledì, 10 Novembre 2021 08:46

Bandi e finanziamenti di prossima pubblicazione

Di seguito si riepilogano i bandi e i finanziamenti in essere o di prossima attivazione.

Ecco le modalità previste dal Fisco per sanare eventuali errori in fattura: stante la prassi consistente nell'emissione di nota credito, in quali casi è possibile avvalersi della richiesta di restituzione dell'IVA non dovuta?

Le sponsorizzazioni ad Associazioni sportive dilettantistiche (Asd) non sono deducibili senza vera attività promozionale.

L’articolo 7, comma 1, lett. b), L. 488/1999, stabilisce che, in caso di impiego di beni significativi nell’ambito di determinate prestazioni, forniti dallo stesso soggetto che effettua la prestazione, ad essi si applica l’aliquota ridotta fino a concorrenza del valore complessivo della differenza tra il valore complessivo dell’intervento di recupero e quello dei beni significativi.

Dall'Europa arrivano risorse destinate a finanziare il Fondo 394, lo strumento pubblico a sostegno dell'internazionalizzazione delle imprese.

In queste ultime settimane le software house associate ad AssoSoftware hanno potuto analizzare il dettaglio degli aspetti tecnici e operativi connessi alle nuove regole, per la fatturazione elettronica, che occorre adottare, in alcuni casi già da subito, nei rapporti di scambio con la Repubblica di San Marino. Vediamo, in sintesi, i risultati di tale analisi.

All’atto dell’importazione in dogana di merce esportata verso il territorio doganale dell’UE, è necessario individuare correttamente i tre elementi fondamentali oggetto dell’accertamento, quali la classificazione, l’origine ed il valore delle merci in ingresso nel territorio unionale ai fini della determinazione della loro daziabilità in dogana.

Ai fini della deducibilità dei costi il contribuente ha l’onere di provare l’esistenza e la natura del costo, i relativi fatti giustificativi e la sua concreta destinazione alla produzione.

Fattura elettronica, obbligo in arrivo per 1,5 milioni di partite Iva “a forfait”. Il Governo sta seriamente pensando di estendere l’obbligo di fattura elettronica ai forfettari. Operazione però vincolata al via libera della Commissione Ue.

Con deliberazione 17.08.2021, n. 1158, la Regione Veneto ha approvato il “Bando per l’erogazione di contributi alle PMI giovanili. Anno 2021”. La misura finanzia i progetti di investimento volti alla realizzazione di nuove iniziative imprenditoriali o allo sviluppo di attività esistenti; il progetto ammesso all’agevolazione deve essere concluso e operativo entro il termine perentorio del 31.01.2023.

Il procacciatore di affari occasionale, colui che si obbliga a compiere un’opera od un servizio senza vincolo di subordinazione e senza alcun coordinamento del committente, svolge la propria attività in via del tutto sporadica, in assenza dei requisiti di professionalità o prevalenza. Dal punto di vista dell’attività materialmente svolta, quella del procacciatore risulta simile all’attività degli agenti di commercio. La differenza, secondo l’orientamento giurisprudenziale, si rileva nella “occasionalità” del lavoro del procacciatore.

La fatturazione elettronica con San Marino: le novità in arrivo

Il committente italiano è tenuto agli obblighi di fatturazione e registrazione, con integrazione della fattura ricevuta e annotazione nei propri registri, anche se il cedente è identificato direttamente nello Stato

Il Decreto Legge 79/2021 ha introdotto misure urgenti in materia di “assegno temporaneo per figli minori” spettante alle famiglie con figli minori senza diritto alla percezione degli “assegni per il nucleo familiare”.

Il credito d’imposta sulle commissioni per le transazioni effettuate tramite sistemi di pagamento elettronici è un’agevolazione destinata agli imprenditori o lavoratori autonomi, per i quali risultino nell’anno precedente ricavi e compensi inferiori ai 400.000 euro.
Il credito d’imposta è pari al 30% delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate con privati consumatori mediante strumenti di pagamento tracciabili.
I soggetti destinatari dell’obbligo di comunicazione sono i prestatori di servizi di pagamento che mettono a disposizione degli esercenti i sistemi di pagamento elettronici atti a consentire l’accettazione delle transazioni.
Con provvedimento del 29 aprile 2020 sono state definite le modalità per la comunicazione dei dati delle commissioni applicate, registrate a decorrere dal 1° luglio 2020, su cui calcolare il credito d’imposta spettante all’esercente.

Nella giornata di ieri, 22 luglio, il Senato, rinnovando la fiducia al Governo, ha definitivamente approvato il disegno di legge di conversione del D.L. 73/2021 (c.d. “Decreto Sostegni bis”), in cui sono confluite anche le previsioni del D.L. 99/2021.
Il testo è ora atteso in Gazzetta Ufficiale per l’entrata in vigore delle disposizioni.

L’articolo 12 D.L. 34/2019, convertito, con modificazioni, dalla L. 58/2019, prevede che gli adempimenti relativi ai rapporti di scambio con la Repubblica di San Marino, di cui al decreto del Ministro delle finanze 24.12.1993, debbano essere eseguiti in via elettronica secondo modalità stabilite con apposito decreto del Mef.

Ai sensi dell’articolo 7, comma 1, lettera b), L. 488/1999, godono dell’applicazione dell’aliquota Iva agevolata del 10% le prestazioni aventi ad oggetto interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria eseguite su edifici a prevalente destinazione abitativa privata.

Da oggi, 1° luglio 2021, diventa operativo il sistema OSS (One Stop Shop), per le vendite a distanza di beni spediti da uno Stato membro e a destinazione di consumatori finali di altro Stato membro dell’Ue e per le prestazioni di servizi rese a consumatori finali assoggettate all’Iva nello Stato membro di consumo.

Il bando sostiene l’innovazione delle imprese, dei liberi professionisti, delle associazioni professionali e delle società tra professionisti quale misura anticrisi per la ripartenza del sistema economico e produttivo del Veneto a seguito della pandemia da “Covid-19”. Sono finanziabili gli interventi di “innovazione di processo” e di “innovazione dell’organizzazione” presentati da imprese, o di “innovazione o trasformazione digitale” presentati da liberi professionisti, associazioni professionali, società tra professionisti, operanti nel territorio della regione Veneto.

Legittimo l’accertamento induttivo puro a carico del commerciante quando l’inventario non indica le rimanenze raggruppate per categorie omogenee di beni.
È quanto affermato dalla Corte di cassazione che, con l’ordinanza 17244 del 17 giugno 2021, ha respinto il ricorso del contribuente.

La collocazione delle sportive iscritte al registro Coni (o al futuro registro delle attività sportive dilettantistiche tenuto dal dipartimento sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, come previsto dalla riforma che entrerà in vigore a fine 2023) all’interno del Runts (da quando sarà istituito) produce una serie di problemi che proviamo, di seguito, ad elencare.

Entreranno sostanzialmente in vigore dal 1° luglio 2021 le nuove regole IVA UE sull’E-commerce, recepite in Italia con D.Lgs. n. 83/2021.

Difatti, il Decreto legislativo 25 maggio 2021, n. 83, di recepimento degli articoli 2 e 3 della direttiva (UE) 2017/2455 del Consiglio del 5 dicembre 2017 che modifica la direttiva 2006/112/CE e la direttiva 2009/132/CE per quanto riguarda taluni obblighi in materia di imposta sul valore aggiunto per le prestazioni di servizi e le vendite a distanza di beni e della direttiva (UE) 2019/1995 del Consiglio del 21 novembre 2019 che modifica la direttiva 2006/112/CE per quanto riguarda le disposizioni relative alle vendite a distanza di beni e a talune cessioni nazionali di beni, è stato pubblicato sulla G.U. n. 141 del 15-6-2021 (vigente al: 30-6-2021).

Il nuovo provvedimento pubblicato introduce delle disposizioni unionali, intervenendo sul Dpr n. 633/1972 e sul Dl n. 331/1993.

 

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 123 del 25.05.2021 il D.L. 73/2021 (c.d. “Decreto Sostegni bis”). Si richiamano, di seguito, in sintesi, le più rilevanti novità introdotte.

 

Mercoledì, 19 Maggio 2021 08:42

Decreto "Riaperture" - Anticipo del calendario

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19.

 

Il Ministero della Salute ha provveduto a chiarire le procedure a cui attenersi per il rientro al lavoro dei lavoratori che hanno contratto il Covid-19.
Con il presente contributo si intende fornire una piccola guida semplice e chiara ai datori di lavoro e agli stessi dipendenti per l'applicazione pratica della normativa.

 

Le aliquote e i massimali del credito d’imposta R&S&I&D potenziati dalla L. 178/2020 si applicano ai costi sostenuti a partire dal periodo 2021: l’attesissimo chiarimento è contenuto nella risposta all’interpello dell’Agenzia delle entrate n. 323 di ieri 10.05.2021.

 

Sabato, 01 Maggio 2021 08:55

Nuove imprese a tasso zero

In attuazione del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 185, la misura “Nuove imprese a tasso zero” ha l’obiettivo di sostenere, su tutto il territorio nazionale, la creazione e lo sviluppo di micro e piccole imprese a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile mediante l'erogazione di agevolazioni che assumono la forma di finanziamento agevolato, a tasso zero, della durata massima di dieci anni, e di contributo a fondo perduto, per un importo complessivamente non superiore al 90% della spesa ammissibile.

 

Con la risposta a interpello n. 301 del 28/04/2021, l'Agenzia delle Entrate ha ribadito che in caso di erronea fatturazione senza IVA (ritenendo per errore sussistente il regime del reverse charge), il ravvedimento operoso si perfeziona con il versamento della sola sanzione (calcolata su quella minima edittale, pari a €. 250) senza, quindi, la necessità di regolarizzare materialmente l’operazione emettendo le apposite note di variazione.

 

Mercoledì, 21 Aprile 2021 06:17

Piattaforma cessione crediti - On line la Guida

Per alcune spese è stata prevista la possibilità di usufruire, in alternativa alla detrazione, di un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, di importo non superiore al corrispettivo stesso, anticipato dal fornitore di beni e servizi relativi agli interventi agevolati. Per queste stesse spese è stata introdotta anche la possibilità di cedere ad altri soggetti il credito d’imposta spettante.
Chi riceve il credito ha, a sua volta, facoltà di cederlo ulteriormente, oppure può utilizzarlo in compensazione nel modello F24.
Nella guida - pdf tutto quello che c’è da sapere su come funziona la cessione del credito

 

Con riferimento alla conservazione dei libri e registri non materializzati su carta le Entrate evidenziando che la tenuta e la conservazione dei documenti restano concetti ed adempimenti distinti, seppure posti in continuità (si vedano, in questo senso, anche l’articolo 39 D.P.R. 633/1972 e l’articolo 22 D.P.R. 600/1973).

 

Nel caso di fatture false utilizzate per abbattere i costi nella dichiarazione dei redditi, e per detrarre l’Iva in dichiarazione annuale vengono commessi due reati, con possibile applicazione dell’istituto della continuazione. Lo precisa la Cassazione, sezione 3 penale, con la sentenza 13275/2021.

 

Mercoledì, 14 Aprile 2021 08:15

La quarantena delle società non operative

Aspetti critici per l’utilizzo della causa di disapplicazione conseguente alla dichiarazione dello stato di emergenza prevista dal Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate 11.06.2012.

 

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha siglato il nuovo "Protocollo condiviso di aggiornamento delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2/COVID-19 negli ambienti di lavoro”.
Il documento aggiorna e rinnova i precedenti accordi in tema di sicurezza e prevenzione sul lavoro (l’ultimo aggiornamento era di aprile 2020), riportando tutte le indicazioni da seguire, per evitare la diffusione del virus in azienda, e per gestire eventuali contagi.

Lunedì, 22 Marzo 2021 08:33

Decreto Sostegni: le novità in sintesi

Venerdì scorso, 19 marzo, il Consiglio dei Ministri ha approvato l’atteso “Decreto Sostegni”. Si richiamano, di seguito, in sintesi, le principali novità introdotte.

 

L'Agenzia delle Dogane ha dato inizio il 1° marzo 2021 alla sperimentazione del progetto denominato “EUR1 Full Digital”, il quale proseguirà per i successivi dodici mesi e potrà essere ulteriormente esteso, di comune accordo tra le Parti, sulla base dell’evoluzione dell’attuale stato di emergenza sanitaria e delle esigenze di fluidità e rapidità dei traffici commerciali.

Il DL 183 del 31/12/2020 è stato convertito nella Legge 26 febbraio 2021 n. 21, con tutta una serie di modifiche. La nuova legge è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 51 dell'1/3/2021. Entrata in vigore del provvedimento: 02/03/2021.Durante la fase di conversione, sono stati proposti ed approvati degli emendamenti che fanno confluire all’interno del Milleproroghe le previsioni del DL 183/2020 e dei DL 3/2021 e 7/2021 che contenevano sostanzialmente proroghe di adempimenti e di scadenze di pagamento di natura fiscale.Il Milleproroghe 2021 procede con la loro abrogazione e facendo salvi gli effetti delle loro previsioni. Di seguito le principali novità.

L’UIF, con il Quaderno n. 15 del 15/12/2020, ha esaminato il fenomeno delle società chiamate “cartiere” e ha sviluppato alcuni indicatori che, nella lettura di un bilancio, costituiscono un valido strumento di analisi delle fattispecie.
Dall’altro lato il 2021 vedrà la nascita del registro dei titolari effettivi, con l’obbligo, per oltre 1.000.000 di società di capitali (srl, spa e cooperative), circa 80.000 associazioni, comitati riconosciuti e fondazioni e un numero (a oggi indefinito) di trust, di comunicare i relativi titolari effettivi all’istituendo registro.

Con il provvedimento prot. n. 2021/51374, pubblicato il 23 febbraio, è stato disposto lo slittamento dei termini per l’invio, all’Agenzia delle entrate, delle comunicazioni per manifestare l’opzione per la cessione del credito/sconto in fattura a fronte degli specifici interventi edilizi previsti. Il termine, originariamente fissato al 16 marzo, è stato infatti portato al 31 marzo 2021.

In data 12 febbraio, l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato la faq 19 luglio 2019 n. 63, chiarendo che, in caso di emissione di fattura elettronica nei confronti di un consumatore finale estero, il campo 1.4.1.2 “CodiceFiscale” può essere lasciato vuoto, analogamente a quanto avviene nell’ipotesi in cui il documento sia emesso nei confronti di operatori stranieri.

La Giunta regionale, in attuazione alla DGR n. 1799 del 22 dicembre 2020, ha siglato un accordo di collaborazione con Unioncamere Veneto per realizzare un intervento di ristoro destinato alle imprese venete che sono state colpite dalle restrizioni imposte per il contenimento del contagio da Covid-19.

Con il D.M. 29.01.2021, di cui si attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, la Ragioneria Generale dello Stato ha recepito il nuovo termine di trasmissione dei dati delle spese sanitarie relative all’anno 2020, fissato all’8 febbraio con il Provvedimento 22.01.2021, e ha individuato anche nuove scadenze per la trasmissione dei dati delle spese sanitarie 2021 e 2022.

A decorrere dal 1° gennaio 2021 la cessione di detergenti disinfettanti per mani è assoggettata all’aliquota Iva del 5% secondo il numero 1-ter.1, Tabella A, Parte II-bis allegata al D.P.R. 633/1972; si è esaurita al 31 dicembre 2020 la disposizione che prevedeva l’esenzione Iva ai sensi dell’articolo 124 D.L. 34/2020 automaticamente senza necessità di ulteriori disposizioni.

In data 30 dicembre, il Senato ha approvato la Legge di bilancio 2021 (L. 178/2020), pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 322 del 30.12.2020.
Di seguito si richiamano, in sintesi, le principali novità previste in materia fiscale.

È stata pubblicata in data 22 dicembre u.s. l’attesa circolare 30/E/2020 con la quale l’Agenzia delle entrate ha risposto ad alcuni quesiti in materia di superbonus, fornendo altresì l’elenco dei documenti e delle dichiarazioni sostitutive da acquisire all’atto dell’apposizione del visto di conformità.
Di seguito si richiamano, in sintesi, alcune delle risposte ritenute più rilevanti.

Il DDL di Bilancio 2021 contiene la proroga, talora con rimodulazioni e modifiche, dei principali crediti d’imposta in vigore nel periodo 2020.
Di seguito si propone un quadro di sintesi, non esaustivo, dei principali crediti d’imposta oggetto di proroga al 2021 e 2022 con le loro caratteristiche distintive.

Se il socio utilizza l’autovettura per le tratte casa-ufficio, e non può dimostrare l’utilizzo di altri mezzi, è legittima la contestazione dell’Agenzia delle entrate in merito all’inerenza dei costi e la conseguente ripresa a tassazione degli stessi: è onere del contribuente, infatti, fornire prova contraria, ovvero che gli spostamenti erano avvenuti in altro modo o che il veicolo era utilizzato per interventi riferibili all’attività d’impresa.

La Banca d’Italia ha introdotto un nuovo servizio per ricevere i dati della Centrale dei Rischi. Dal 2 ottobre 2020 le società possono sottoscrivere sulla piattaforma "Servizi online" un abbonamento per ricevere mensilmente i dati della CR al proprio indirizzo PEC. L'abbonamento è gratuito e ha la durata di un anno; è rinnovabile alla scadenza e può essere revocato in ogni momento. Il servizio può essere sottoscritto esclusivamente dal legale rappresentante munito di SPID o CNS. Per avviare l'abbonamento il legale rappresentante deve richiedere i dati della società riferiti all'ultima data disponibile.

I dati della Centrale dei rischi sono riservati e coperti dal segreto d'ufficio. Non possono essere né divulgati, né comunicati a soggetti diversi dal diretto interessato o altro soggetto legittimato.
Le dichiarazioni false e mendaci rese nella compilazione della richiesta di accesso ai dati della Centrale dei rischi, come la dichiarazione di una qualifica che non si riveste, sono segnalate dalla Banca d'Italia all'autorità competente (denuncia Autorità Giudiziaria, segnalazione al Garante per la Protezione dei dati personali, ecc.).

In caso di dichiarazioni false, la Banca d'Italia sospende l'accesso ai dati della CR per l'utenza SPID/CNS.

Il D.M. 19.10.2020 introduce l’obbligo che dal 01.01.2021 le spese mediche e veterinarie siano trasmesse con cadenza mensile al sistema Tessera Sanitaria.

Pubblicato in G.U.il Decreto Ristori: si tratta di una misura che era stata annunciata in occasione dell’emanazione del D.P.C.M. 24.10.2020 con il quale sono state introdotte nuove misure a sostegno alle imprese e all’economia. Si illustrano, di seguito, in sintesi, alcune delle più importanti novità previste.

Gli elevati compensi riconosciuti ai soci-amministratori non sono idonei a giustificare la redditività della società, particolarmente bassa rispetto a quella delle altre imprese del territorio.

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm 24 ottobre contenente le nuove misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19.

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 19658, ha sottolineato come anche la sola mancata redazione dell’inventario, carenza ovviamente incontrovertibile da parte della società, sarebbe di per sé sufficiente a legittimare l’accertamento induttivo.

Unioncamere del Veneto gestirà un bando per la concessione di contributi alle imprese del Veneto per la copertura delle spese sostenute per l’acquisizione di DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) e strumenti di prevenzione in seguito all’epidemia di Covid-19.

E' stato pubblicato lo scorso 11/09/2020 il provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate recante la determinazione della misura percentuale di fruizione del credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione, di cui all’articolo 125 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34.

Martedì, 30 Giugno 2020 07:00

Proroga versamento imposte per l'anno 2020

E' stato pubblicato in GU (n.162 del 29-6-2020) il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 giugno 2020 con il quale viene confermato il Differimento dei termini riguardanti gli adempimenti dei contribuenti relativi a imposte e contributi, ai sensi dell'articolo 1, comma 5, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

Con la risoluzione 34/E/2020, pubblicata il 25 giugno, l’Agenzia delle entrate si è “arresa” all’interpretazione giurisprudenziale ed è tornata sui suoi passi, rivedendo i precedenti chiarimenti al fine di riconoscere il bonus e il sismabonus per tutti gli interventi effettuati dalle imprese.

L’Agenzia delle Entrate fornisce le istruzioni per richiedere il contributo a fondo perduto previsto dal Dl Rilancio. In attuazione dell’articolo 25 del Decreto, un provvedimento di ieri (10 giugno) del Direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini, definisce i passi da compiere per richiedere e ottenere il contributo a fondo perduto a favore delle imprese e delle partite Iva colpite dalle conseguenze economiche del lockdown.

Una fattura che faccia riferimento contenutisticamente vago e cronologicamente indefinito, a non meglio identificati lavori - nella specie di muratura – eseguiti presso un cantiere si palesa irregolare e quindi non idonea alla deduzione del costo e alla detrazione dell'Iva.

Il D.L. 34/2020, all’articolo 124, ha apportato delle modifiche al regime Iva di quei beni che si stanno rendendo particolarmente importanti per fronteggiare l’emergenza Covid-19. In particolare, ha inserito nei beni soggetti ad aliquota del 5% una serie di prodotti, tra i quali troviamo apparecchiature mediche tipo ventilatori polmonari, ecotomografi ed elettrocardiografi, mascherine, articoli di abbigliamento protettivo per finalità sanitarie, detergenti disinfettanti per mani, attrezzature per ospedali da campo, ecc..

Mercoledì, 20 Maggio 2020 08:01

Coronavirus - In G.U. il Decreto Rilancio

In G.U. n. 128 del 19 maggio 2020 è pubblicato il Decreto-Legge 19 maggio 2020, n. 34: Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonche' di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.

 

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il DPCM contenente le disposizioni applicabili dalla data del 18 maggio 2020 in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 aprile 2020 ed efficaci fino al 14 giugno 2020. In data 17 maggio 2020 è stata altresì pubblicata l'Ordinanza del Presidente della Regione Veneto n. 48 con le disposizioni applicabili sul territorio regionale

Pagina 1 di 3
 
TS BASSANO SRL  |  P.IVA: 01820640249  |  Via Valsugana 88/1  |  36022 Cassola VI  |  Privacy policy